fbpx
Contatti
Advanced
Cerca
  1. Home
  2. Allergologia

Visite Specialistiche

Allergologia

Le manifestazioni allergiche, se trascurate, possono influenzare la vita quotidiana, le interazioni sociali e le prestazioni lavorative. Per escludere o diagnosticare un disturbo allergologico è necessario sottoporsi ad una visita specialistica di allergologia e almeno cinque giorni prima è consigliabile che il paziente eviti l’assunzione di antistaminici.

Il medico curante deciderà di affidarsi al parere di un allergologo per accertare la natura di sintomi quali: naso chiuso o rinorrea, difficoltà respiratorie, prurito agli occhi o in altre zone del corpo, emicrania, disturbi gastrointestinali.

L’allergologo avrà necessità di visionare tutta la documentazione posseduta dal paziente e riguardante la storia clinica personale e familiare.

Successivamente passerà alla visita vera e propria che include uno screening dei sintomi e un controllo generale dello stato di salute.

Il paziente potrà poi essere sottoposto a dei test (si tratta di esami non dolorosi che possono causare solo un lieve fastidio):

  • Prick test: consiste nella perforazione della cute con un ago per consentire la penetrazione del l’allergene. Dopo 20 minuti si manifesterà l’eventuale sensibilità;
    • Patch test: comporta l’applicazione sulla pelle di cerotti contenenti estratti allergizzanti;
    • Rast test: rileva nel sangue la presenza di specifici anticorpi (le IgE, o immunoglobuline E).
    • Spirometria: valuta il funzionamento dell’apparato respiratorio, verificando la presenza di una malattia bronchiale ostruttiva.

Al termine della diagnosi viene comunicato al paziente il tipo di allergia di cui soffre e stabilita la relativa terapia.

L’allergologo fornirà una lista con gli allergeni da evitare, prescriverà medicinali per alleviare i sintomi e risponderà a quesiti e dubbi da parte del paziente.