fbpx
Contatti
Advanced
Cerca
  1. Home
  2. Gli esami di Dermatologia: dermatoscopia, visita tricologica, esame micologico
Gli esami di Dermatologia: dermatoscopia, visita tricologica, esame micologico

Gli esami di Dermatologia: dermatoscopia, visita tricologica, esame micologico

  • August 4, 2021
  • 0 Likes
  • 201 Visualizzazioni
  • 0 Commenti

La pelle è la parte più esposta del nostro corpo, svolge tantissime funzioni  ed è la prima barriera di difesa del nostro organismo. Gli esami di Dermatologia ne monitorano lo stato di salute e permettono di pervenire una serie molto vasta, e in qualche caso molto grave, di patologie e disturbi.

Le condizioni di pelle e capelli spesso sono la manifestazione dello stato di salute generale. Preservarne lo stato non aiuta soltanto a evitare disturbi fastidiosi e limitanti, ma anche a prevenire malattie molto gravi con pesanti ripercussioni sull’intero organismo. Gli esami di dermatologia permettono di tenere sotto controllo lo stato di epidermide, derma e sottocute.

Dermatoscopia

Detta anche epiluminescenza, è l’indagine primaria per verificare le condizioni della pelle. Si tratta di un test rapido ed efficace che consente di diagnosticare precocemente e con accuratezza eventuali patologie, quali melanoma o altri tumori della pelle.

Il dermatologo esegue una valutazione visiva delle formazioni cutanee sospette e verifica se sono maligne, tramite una speciale lente illuminata chiamata dermatoscopio. L’esame dura pochi minuti, è totalmente indolore e permette di diagnosticare una vasta serie di patologie: carcinomi, malattia di Bowen, cheratosi, dermatofibromi e forme tumorali non melanocitarie. In caso di anomalie il medico può indirizzare il paziente verso una biopsia o un esame istologico.

Durante la dermatoscopia è possibile inoltre tracciare la mappatura dei nei, ovvero esaminarli, fotografarli ed archiviare le informazioni per confrontarle nel tempo. Il dermatologo controlla se si è verificata una rapida comparsa di nuovi nei nel breve periodo, oppure se sono cresciuti di dimensione quelli già esistenti. Nell’analisi, gli aspetti che tiene maggiormente in considerazione sono appunto il diametro, la forma, e i bordi.

Visita tricologica

Attraverso la visita tricologica è possibile esaminare le anomalie del cuoio capelluto e prevenire, o contrastare, la caduta dei capelli.

Si tratta di un accertamento molto semplice e rapido che consente di verificare la resistenza dei capelli in diverse condizioni. La prima fase è la verifica visiva delle condizioni generali del cuoio capelluto, mediante una speciale lampada tricologica. Successivamente si procede con il Pull Test per verificare la resistenza alla trazione e con il Wash Test per controllare il numero di capelli persi durante il lavaggio.

Esame micologico

Si ricorre all’esame micologico per verificare la presenza di funghi e miceti che causano la micosi. Si tratta di un test di laboratorio, svolto al microscopio dopo un piccolo prelievo dalla zona interessata, ad esempio le squame della pelle, un frammento di unghia o un tampone vaginale.

L’esame micologico riveste un ruolo molto importante anche in Venerologia, la branca che si concentra sulle patologie della cute e delle mucose genitali e sulle malattie sessualmente trasmissibili.

Permette di diagnosticare, e successivamente trattare, dermatofiti e lieviti (micosi dei capelli e delle unghie), onicomicosi (infezioni da muffe alle unghie) e funghi nelle aree genitali, sia esterne che interne.

Le condizioni di pelle e capelli possono mutare in maniera sensibile, molto rapidamente, pertanto è consigliato sottoporsi agli esami di dermatologia periodicamente. Tuttavia, è particolarmente consigliato effettuarli quando si notano anomalie cutanee, quali sfoghi, arrossamenti o lesioni.

Lascia un commento